Francia-Australia: i transalpini pronti a divorare la matricola oceanica

Francia-Australia: presentazione della partita e previsioni

Esordio in discesa per la squadra di Deschamps che nella prima giornata del Girone C, in programma sabato a mezzogiorno, affronterà i canguri australiani

I transalpini arrivano a questo Mondiale con l'etichetta di principale insidia per le grandi favorite della vittoria finale. Il primo obiettivo sarà subito riscattare la triste sconfitta nella finale dello scorso Europeo giocato in casa, per poi sognare di ripetere l'impresa del '98.

Gli oceanici invece si presentano in Russia dopo aver superato un doppio spareggio contro Siria e Honduras, raggiungendo per la 4°volta consecutiva la qualificazione alla Coppa del Mondo. Questo esordio però sembra davvero proibitivo e le speranze per gli ottavi dovrebbero passare dalle successive gare contro Danimarca e Perù.

Francia-Australia: Consigli scommesse

La partita nel dettaglio

La Francia arriva a questa rassegna iridata con la certezza di potersi giocare la coppa contre tutte le altre nazionali. La giovane e talentuosa squadra di Deschamps ha infatti superato da prima un girone di qualificazione insidioso, che comprendeva la Svezia, giustiziere dell'Italia ai playoff, e l'Olanda, altra illustre assente di questo Mondiale. I transalpini sono ancora in fase costruzione ma con una lista di convocati, in cui non figurano nomi come quelli di Benzema, Lacazette, Martial, Coman, Rabiot, Kurzawa e Payet sei obbligato a recitare un ruolo da protagonista. Rispetto alle altre grandi favorite come Germania e Brasile, il maggiore difetto della Francia è la scarsa maturità ed esperienza ad alti livelli dei suoi giocatori, che durante il loro cammino potranno soffrire la pressione del palcoscenico più importante del mondo.

L'Australia invece è una nazionale di grande tradizione, sempre presente nelle ultime 4 edizioni dei Mondiali, ma con scarsi risultati che rispecchiano la qualità dei suoi giocatori. I canguri sono usciti ai gironi in Brasile e Sudafrica e hanno raggiunto il loro miglior risultato a Germania 2006, quando l'Italia, poi vincitrice del trofeo, la eliminò a fatica agli ottavi di finale. I ragazzi di van Marwijk , nonostante la loro posizione geografica, sono stati inseriti nel girone di qualificazione dell'Asia per equilibrare quello oceanico, stravinto lo stesso dalla Nuova Zelanda, poi eliminata al playoff dal Perù. Proprio i sudamericani sono stati inseriti nello stesso gruppo dei Socceroos, che con molta probabilità si giocheranno tra loro lo scontro decisivo per non chiudere all'ultimo posto il raggruppamento.

Chi segnerà per primo?

La forza della Francia è la compattezza e l'unità di squadra. La classe dei transalpini si distribuisce equamente in tutto il reparto avanzato che non ha il classico bomber che trascina la squadra ma una pluralità di soluzioni per colpire l'avversario. Griezmann, che ha appena concluso la stagione con il successo in Europa League all'Atletico di Madrid è la minaccia principale quando si parla di gol, con un rendimento in nazionale che dice 20 reti in 54 presenze. I transalpini hanno sempre marcato il tabellino nelle ultime 9 partite tra gare ufficiali e amichevoli, un altro indizio per puntare con maggior fiducia sul loro attacco.

Dall'altra parte poi l'Australia non ha certamente una difesa di ferro, anche se è proprio in avanti che ha evidenziato i maggiori problemi. Se pensiamo che gli uomini più pericolosi in zona gol restano gli esperti capitani Cahill e Jedinak, entrambi deicisivi negli spareggi qualificazione, qualcosa non funziona. Anche in questa nazionale non c'è il grande centravanti che trascina a suon di reti la squadra, che sarà costretto a provare soluzioni alternative per superare la solida retroguardia francese. La quota del primo gol della partita a favore della Francia è infatti molto bassa, ma almeno sicura di essere centrata.

Chi segnerà durante la partita?

Oltre a Griezmann, attenzione alla supersonica velocità di Mbappè e Dembele che sulle rispettive fasce potrebbero anche in zona gol fare la differenza. Un altro possibile marcatore è Giroud, che entrando dalla panchina lascia quasi sempre il segno sulla partita. Negli ultimi anni della sua carriera l'attaccante del Chelsea, che con la nazionale ha un bottino di 31 centri in 74 apparizioni, si è ritagliato questo ruolo chiave che potrebbe ripetersi anche in Russia. Da evitare Pogba, che dopo la grande parentesi alla Juventus ha deluso tutte le aspettative dopo il ritorno al Manchester United, prestazioni che gli potrebbero anche compromettere il posto da titolare nello scacchiere di Deschamps. Nell'Australia con molta sincerità non punteremmo su nessun giocatore, visto che secondo la nostra previsione la porta di Lloris almeno in questo esordio resterà inviolata dato la scarsa qualità offensiva degli oceanici.

Dove si vincerà o perderà la partita?

Come evidenzia il grafico le maggiori occasioni create dalla Francia sono sparse lungo tutto l'arco della partita con picchi all'inizio e sul finale delle partite. La difesa dell'Australia potrebbe anche resistere ai primi attacchi dei transalpini ma con il passare dei minuti diventerà difficile evitare di subire gol.

Al contrario il pacchetto arretrato dei galletti, che ha subito appena 6 reti durante le qualificazioni, potrebbe restare imbattuta vedendo le poche occasioni concesse agli avversari dall'inizio del 2017. L'attacco dei canguri produce il massimo a cavallo dell'intervallo quando in effetti le amnesie della difesa francese iniziano a vedersi ma sorpassato questo spazio temporale i rischi saranno sempre di meno.

Il consiglo del trader: Francia handicap -2

I francesi arrivano in Russia come una delle favorite del torneo e cercheranno quindi di piazzare un marcatore nella loro prima partita contro l'Australia. I transalpini hanno una quota di 2.95 per battere i Socceroos con tre o più gol di scarto. L'Australia ha avuto una preparazione tutt'altro che ideale per il torneo, con il manager Ange Postecoglou che si è dimesso due settimane dopo la qualificazione di una squadra che dipende dal 38enne Tim Cahill. Sarà difficile vedere qualcosa di diverso da una comoda vittoria per la Francia.