Croazia: scopriamo insieme la seconda finalista

La formazione di Dalic contro ogni pronostico è riuscita a conquistare la prima finale mondiale della sua storia, segnata dalla sconfitta nella semifinale di 20 anni fa proprio contro la Francia

In una delle finali più inaspettate del Mondiale, l'epilogo potrebbe a questo punto premiare la squadra sfavorita. La Croazia, il paese più piccolo a giocarsi la coppa (4 milioni di abitanti), arriva a Mosca consapevole della propria forza ma con un'intera partita in più nelle gambe rispetto ai francesi. Dopo un girone passato a pieni voti grazi ai 3 successi su Nigeria, Argentina e Islanda, i ragazzi di Dalic hanno faticato più del previsto nelle sfide a eliminazione diretta, risolte tutte tra supplementari o rigori. Il portiere Subasic è stato l'assoluto protagonista degli ottavi e dei quarti, dove grazie alle sue parate nella serie dei calci di rigori è riuscito a sbarrare la strada alla Danimarca e ai padroni di casa della Russia. Nella semifinale contro l'Inghilterra si sono presi la scena gli "italiani" Perisic e Mandzukic che hanno segnato la rimonta dei croati, spietati a spezzare il sogno dell'Inghilterra.

Adesso a Mosca servirà il sostegno di un popolo intero, fiducioso di dimenticare il triste passato. La sconfitta contro la Francia nella semifinale di 20 anni fa, decisa da un'incredibile doppietta di Thuram, è infatti il pretesto perfetto per centrare la grande vendetta in questa occasione. Per battere la corazzata dei Blues, mai sconfitta nei 5 precedenti, bisognerà avere pazienza e non farsi sottomettere dalla pressione. Le chiavi del centrocampo saranno ancora affidate al genio di Modric, capitano e uomo simbolo di una nazionale a un passo dalla leggenda. Il regista del Real Madrid, vincitore tra gli altri di 4 Champions League, potrà coronare la vittoria della Coppa del Mondo con quella individuale del Pallone d'Oro interrompendo il duopolio di Messi e Ronaldo. Gran parte del nostro paese tiferà Croazia, non solo per la storica rivalità con la Francia ma anche per la numerosa rappresentanza della Serie A nella nazionale di Dalic. La catena di sinistra è formata dal neo rossonero Strinic e dai nerazzurri Brozovic e Perisic, mentre il compito di centravanti sarà affidato al guerriero bianconero Mandzukic. Nonostante l'assenza in questo Mondiale, anche un pezzo d'Italia potrà diventare protagonista di questa possibile storica impresa.