Colombia, guida ai Mondiali: James Rodriguez e la crescita nei secondi tempi per migliorare i risultati del 2014

La Colombia si giocherà verosimilmente il primo posto nel gruppo H dei Mondiali russi con la Polonia, ma i sudamericani dovranno fare attenzione a un Senegal che può sorprendere: serviranno attenzione e concentrazione per evitare sorprese.

La Colombia farà il suo debutto nei Mondiali di Russia sfidando il Giappone il 19 giugno, per poi scendere nuovamente in campo cinque giorni dopo contro la Polonia alla Kazan Arena. I colombiani chiuderanno la propria fase a gironi sfidando il Senegal il 28 giugno, in quella che potrebbe essere la sfida decisiva per la qualificazione agli ottavi.

Quale sarà la formazione della Colombia?

I dati esclusivi del nostro partner Stratabet ci danno qualche indizio su quale sarà la formazione della Colombia nella sua prima uscita a Russia 2018 e anche per il resto del torneo.

La Colombia dovrebbe mantenere un impiatto tattico consolidato e ormai granitico: difesa a quattro in un 4-2-3-1 nel quale il fulcro centrale sarà ovviamente James Rodriguez, chiamato a illuminare il gioco dei Cafeteros e ispirare Radamel Falcao.

Tra i pali il titolare è ovviamente Ospina, che non ha mai visto scalfire il proprio minutaggio dai rivali neppure quando ha fatto molta panchina nell'Arsenal. La linea difensiva comprenderà Arias a destra e Fabra a sinistra, con Zapata e Davinson Sanchez centrali. Il milanista è in vantaggio su Yerry Mina, la cui esperienza al Barcellona non è stata sin qui positiva.

In mezzo al campo la Colombia dovrebbe schierare l'ex Fiorentina Carlos Sanchez e Aguilar, favorito al momento su Wilmar Barrios. Trequarti affidata a James, con Uribe a sinistra e Cuadrado a destra: davanti, come detto, Falcao.

Consigli scommesse

Come giocherà la Colombia?

La Colombia ha uno dei suoi punti forza nei secondi tempi, un dato che dimostra la grande condizione fisica dei ragazzi di Pekerman: il 59.9% delle occasioni create è arrivato proprio dopo il 45', un dato che li mette ovviamente al primo posto tra le qualificate a Russia 2018.

Di contro, c'è una certa debolezza nella fascia sinistra: solitamente da queste parte del campo gioca un elemento utile dal punto di vista tattico e non un'ala pura, e così calano gli ingressi in area, che si attestano al 26.9%. Colombia 31a in questa statistica.

In difesa i giocatori della Colombia sono molto forti sulla fascia destra: solo il 27.9% degli ingressi in area concessi dai Cafeteros arriva dalla zona presidiata da Arias e Cuadrado, un dato che piazza i sudamericani al quarto posto tra le nazionali iscritte al Mondiale. Una grande debolezza, invece, arriva dai cross: il 40% dei gol concessi dai Cafeteros giunge da questa situazione di gioco. La Colombia è così 30a in questa statistica, un dato normale per una Nazionale che basa il suo gioco su velocità e tecnica.

Il giocatore chiave per i successi della formazione colombiana è James Rodriguez: con lui in campo, la percentuale dei gol previsti per la Colombia aumenta del 65.7%. D'altronde, parliamo sempre del capocannoniere del Mondiale 2014.

Chi segnerà i gol nella Colombia?

La Colombia si è qualificata ai Mondiali di Russia 2018 chiudendo al 4° posto nel girone sudamericano, e precedendo il Perù (evitando così lo spareggio) di un solo punto: i Cafeteros hanno segnato 21 reti in 19 gare, mostrando un attacco rivedibile, e anche una difesa da risistemare, che ha subito ben 19 reti.

I dati Stratabet regalano il maggior dato nei gol previsti a un elemento che in realtà non è stato inserito nella formazione titolare, ma potrebbe affiancare Falcao in un 4-4-2. Per Miguel Borja, centravanti del Palmeiras, sono previste 1.05 reti a partita, con Falcao a 0.50 reti previste e Bacca a 0.47.

James Rodriguez è solo quarto in questa classifica con 0.43 reti previste dai dati in nostro possesso, mentre Cuadrado chiude la graduatoria con un dato pari a 0.20 reti.

Il giocatore con la miglior percentuale realizzativa è Radamel Falcao, che nel periodo preso in esame ha segnato quattro reti con 16 occasioni create: la sua percentuale è dunque del 25%, e lo piazza davanti a tutti i compagni. Lo seguono Bacca col 20% e una rete in 5 chances, e Borja col 18.2%: il centravanti del Palmeiras ha segnato 2 gol con 11 occasioni. Quarta posizione per James Rodriguez: ha segnato quattro reti, ma dopo aver prodotto 29 chances, un dato che lo attesta al 13.8% di percentuale realizzativa.

Da evitare Cuadrado: delle 10 occasioni prodotte, lo juventino ne ha concretizzata solo una per misero 10% di percentuale realizzativa.