Boca Juniors-River Plate: la sfida dei due mondi nella storica finale di Copa Libertadores

Boca Juniors-River Plate: presentazione della partita e previsioni

Il derby più storico del Sudamerica è pronto a fermare un'intero paese, fortunato ad assistere al doppio Superclàsico più importante di sempre. Sabato sera la gara d'andata alla Bombonera, due settimane dopo la sentenza al Monumental

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Sabato 10 Novembre

Ora del calcio d'inizio? 21.00 italiane

Dove si gioca? Bombonera, Buenos Aires

Su quale canale si può guardare? DAZN

E' tutto pronto per la partita più attesa di sempre in Sudamerica. Per la prima volta nella storia infatti Boca Juniors e River Plate si giocheranno la finale di Copa Libertadores, in particolare la 59°edizione e l'ultima in questo formato, come per un segno del destino. Considerato uno dei derby più simbolici di tutto il mondo, mette di fronte le due squadre rivali di Buenos Aires, originate nello stesso luogo ma divise dalla feroce lotte di classe della capitale argentina. Da un parte la squadra del popolo (il Boca), dall'altra quella della borghesia (il River), insomma la sfida totale dei due mondi.

Una partita che non ammette sconfitta, gloria eterna per i vincitori e dolore infinito per i perdenti. Come dal 5 maggio 2013 a oggi però, i tifosi ospiti non ci saranno nel doppio confronto perchè il rischio di incidenti è stato considerato troppo alto. Troppe le disgrazie e i disordini avvenuti sullo sfondo di questa partita, per dimenticare il passato doloroso di molte famiglie. Tra questi oscuri scenari di una rivalità molto sentita e per alcuni esagerata, c'è spazio anche per godersi l'atmosfera e lo spettacolo sul campo di un doppio confronto che segnerà la storia del calcio.

Boca Juniors-River Plate: Consigli scommesse

Ecco i nostri consigli per le scommesse di questa sfida. Abbiamo anche molte altre opzioni su cui puntare.

La partita nel dettaglio

In totale ci sono la bellezza di 247 partite ufficiali tra Boca e River, che premiano gli Xeneizes vincenti 87 volte contro le 81 dei rivali, con 78 pareggi. La sfida di sabato sarà la n°25 in Copa Libertadores, ma come già detto la prima e storica in finale. Anche in coppa il Boca è sempre avanti con 10 vittorie contro le 7 del River, più 7 pareggi. C'è un incentivo maggiore però per i gialloblù che hanno l'occasione di vincere il 7°titolo, raggiungendo l'Indipendiente come club di maggior successo nella storia di questo torneo. L'ultima vittoria risale al 2007, quando in otto anni (dal 2000 in poi) la alzarono la coppa per ben quattro volte! I Milionarios invece sono fermi a 3, ma l'ultima gioia è molto più recente nel 2015. Passando invece ai possibili protagonisti di questo Superclasico, c'è anche lo scontro in panchina tra Schelotto, tecnico del Boca Juniors, e Marcelo Gallardo, quello del River Plate. Il primo è stato una bandiera e uno dei giocatori più vincenti del club, con cui da allenatore ha già messo in bacheca 2 titoli nazionali di fila. Il secondo invece, anche lui ex simbolo da giocatore dei Milionarios, masalvo un'annata alla guida del Nacional di Montevideo è di fatto alla prima esperienza in panchina, non sarà presente nella doppia finale a causa di una squalifica.

Ci saranno invece i suoi giocatori, tra tutti gli attaccanti Lucas Pratto (ex Genoa) e Santos Borré (ex Villarreal) che insieme a Scocco sono i principali bomber del River. A loro sostegno ci sarà il n°10 Gonzalo Martinez che ha segnato nell'ultimo precedente alla Bombonera (0-2 alla 6a giornata) e deciso con il gol vittoria la semifinale di ritorno contro il Gremio. In porta quel Franco Armani diventato titolare nell'Argentina dello scorso tragico Mondiale, dopo i famosi errori di Caballero. Attenzione anche alla panchina dove è pronto il talento mai esploso ma sempre cristallino di Quintero, protagonista con la Colombia dell'ultima rassegna iridita. Nel Boca Juniors invece i nomi sono tantissimi e più famosi, quello che affascina è Carlos Tevez, alla sua terza vita alla Bombonera e già vincitore della Copa Libertadores nel 2002/03. Difficile che parta titolare ma occhio anche a un'altra vecchia conoscenza del calcio italiano come Mauro Zarate, rinato prima nel Velez e poi passato proprio ai rivali del Boca. Il bomber però è il Pipa Benedetto, che da subentrato ha deciso la doppia semifinale contro il Palmeiras con una doppietta all'andata (2-0) e col gol del definitivo 2-2 al ritorno. Infine c'è Pavon, esterno d'attacco molto rapido e tecnico già visto al Mondiale con l'Argentina: per lui 3 gol e sempre titolare in tutta la competizione.

Dove si vincerà e perderà la partita

Le partite del calcio argentino, in particolare il Superclasico, sono quasi sempre molto intense e combattute ma poco aperte a livello di occasioni. All'andata però il Boca deve sfruttare il fattore Bombonera, dove ha perso solo due volte nelle ultime 14 partite (11 vittorie e 1 pareggio), tuttavia una sconfitta è arrivata per 0-2 proprio contro il River.

Gli ospiti infatti sono molto temibili in trasferta, dove in questa Libertardores sono ancora imbattuti (3 vittorie e 3 pareggio), di cui 4 partite mantenendo la porta inviolata. Il River infatti è imbattuto negli ultimi 7 scontri diretti giocati alla Bombonera, dove ha vinto in 6 occasioni, con cinque clean-sheet! Insomma è molto difficile, come dimostrano le quote, prevedere il risultato finale di una super sfida che in effetti è molto equilibrata e il cui punteggio potrebbe ancora essere ristretto.

Matteo Sfolcini
@BetStarsit in Calcio