Barcellona-Real Betis: i blaugrana devono rispondere all'Atletico, gli ospiti sembrano spacciati

Barcellona-Real Betis: presentazione della partita e previsioni

La capolista, col dubbio Messi, cerca la 4°vittoria di fila in Liga per allungare sulle principali rivali in una partita contro un Betis, reduce dal pareggio col Milan in Europa League ma troppo instabile per centrare l'impresa in questa proibitiva trasferta

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Domenica 11 Novembre

Ora del calcio d'inizio? 16.15

Dove si gioca? Camp Nou, Barcellona

Su quale canale si può guardare? DAZN

Entrambe le squadre arrivano a questa 12a giornata, dal rispettivo 1-1 in Europa proprio contro Inter e Milan. Il Barcellona con il pareggio di San Siro si è già qualificato per ottavi di Champions mentre il Real Betis è rimasto in testa al gruppo ma lo scenario è ancora tutto aperto. Situazione opposta invece in Liga dove la squadra di Valverde guida la classifica, a +1 sull'Atletico Madrid e con il miglior attacco per distacco (31 reti), mentre il gruppo di Setien è quello che segna di meno (appena 8 gol) e si trova a -3 dalla zona retrocessione!

Un contesto di normalità per i bluagrana, ex campioni di Spagna e anche quest'anno protagonisti di un'ottima partenza, macchiata soltanto dall'unica e imprevista sconfitta di fine settembre col Leganes. Per il resto lo score è completato da 7 successi e 3 pareggi, con un enorme differenza a livello di numeri tra le partite giocate in casa e trasferta. Al Camp Nou infatti è quasi impossibile passare, basti pensare che in campo nazionale ma anche in Europa è imbattuto da un paio d'anni! Un fattore decisivo anche in questa partita, dove il Betis sembra già condannato a vivere un pomeriggio molto complicato e rimandare ancora il successo, che non arriva da settembre.

Barcellona-Real Betis: Consigli scommesse

Ecco i nostri consigli per le scommesse di questa sfida. Abbiamo anche molte altre opzioni su cui puntare.

La partita nel dettaglio

Arrivano buone e cattive notizie dall'infermeria del Barcellona che ha recuperato Messi, convocato almeno per la panchina, ma non avrà Coutinho, fuori per un problema muscolare, e Dembelè punito per sospette ragioni disciplinari. In avanti quindi tridente inedito con L.Suarez (a un passo dalla doppia cifra in Liga) supportato da Rafinha e Malcom, finito ai margini del progetto di Valvederde ma rilanciato dopo il 1°gol col Barcellona nell'1-1 contro l'Inter. Niente sorprese invece a centrocampo e in difesa con la conferma di Busquets, Rakitic e Arthur oltre a quella di Sergi Roberto, Piquè, Lenglet e Jordi Alba davanti a Ter Stegen, in attesa del recupero di Umtiti al centro del reparto.

Il Betis arriva alla partita più difficile della stagione con la rosa al completo, ma con diverse novità di formazione rispetto all'ultima uscita contro il Milan (che stasera ospiterà la Juve di CR7). In porta titolare anche Pau Lopez con la difesa a 5 formata da Junior, Sidnei, l'ex Bartra, Mandi e il rientrante Barragan. Sulla mediana spazio al gigante Carvalho e al capitano Guardado, più avanti la coppia di trequartista Lo Celso-Canales a supporto dell'unica punta Loren Moròn. Almeno dall'inizio quindi restano fuori le vecchie conoscenze della Serie A come Feddal, Joaquin, Tello e Sanabria. Per non rischiare subito l'imbarcata il maestro Setien ha scelto un assetto più coperto e meno sbilanciato a protezione della propria porta, cercando di sfruttare al massimo quelle poche ripartenze a disposizione.

Dove si vincerà e perderà la partita

Il Betis per certi aspetti è la squadra che si avvicina di più alla filosofia di gioco del Barcellona. Grande possesso palla, rapidità nei movimenti e molta qualità nelle giocate ma deve ancora migliorare nell'ultimo passaggio e nella fase di finalizzazione. Come racconta la storia recente però questa partita dovrebbe essere molto divertente e ricca di gol, con i padroni di casa ovviamente favoriti malgrado le diverse assenze.

Nei 52 precedenti giocati al Camp Nou infatti il Betis è uscito vincente appena 4 volte, l'ultima risale al maggio 1998 che è anche l'ultima sconfitta subita dal Barcellona, imbattuto in campionato da circa 20 anni! I neroverdi poi non segnano da oltre 215 minuti in trasferta, un digiuno che potrebbe proprio interrompersi a casa del Barcellona che non tiene la porta inviolata da 5 partite casalinghe e quasi sempre concede un paio di occasioni importanti agli avversari.

Matteo Sfolcini
@BetStarsit in Calcio