Arsenal-Man.City: riparte la caccia alla Premier League

Arsenal-Manchester City: presentazione della partita e previsioni

Il primo big match di Premier League propone la trasferta dei campioni in carica del City nella casa dei Gunners, allenati da Emery dopo l'addio di Wenger. Il calcio d'inizio è fissato per le 17.00 di domenica

La prima tappa del Man.City di Guardiola, appena vincitore della Community Shield, si ferma nella capitale, dove ripartirà la nuova avventura dei campioni in carica. Il palcoscenico sarà quello dell'Emirates Stadium, per un confronto con l'Arsenal che promette fuochi d'artificio. I Citizens, reduci da una stagione fenomenale, sono chiamati a difendere uno storico titolo arricchito da molti record e arrivato demolendo tutta la concorrenza. Un trofeo diventato invece una maledizione per l'Arsenal, che non diventa campione d'Inghilterra ormai da 15 anni. Un tempo infinito per una squadra che sotto la guida del primo Wenger ha rivoluzionato il calcio d'Oltremanica, guadagnandosi il soprannome di "Invicibili" grazie alla 13esima e ultima Premer League vinta senza mai perdere una partita.

Dopo le ultime deludenti stagioni però l'epoca del tecnico francese ha visto il suo tramonto dopo 22 anni consecutivi sulla panchina dei Gunners. Al suo posto è arrivato lo spagnolo Emery, famoso per i suoi trionfi in Europa League col Siviglia ma reduce dall'infelice avventura al Psg, terminata dopo appena due anni di molte ombre A Londra troverà uno spogliatoio pieno di grandi giocatori, ma molto difficile da gestire in campo dove ha regnato per molto tempo una disordinata e confusa disposizione tattica che ha condizionato i pessimi risultati di squadra.

Arsenal-Manchester City: Consigli scommesse

[Quote aggiornate al momento della pubblicazione]

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Domenica 12 agosto

ora del calcio d'inizio? 17:00

Dove si gioca? Emirates Stadium

Su quale canale si può guardare? Sky Sport Football HD

Chi è l'arbitro? Michael Oliver

La partita nel dettaglio

Entrambe le squadre hanno cambiato poco nel mercato estivo: l'Arsenal si è rinforzata in difesa con gli arrivi degli esperti Lichtsteiner e Sokratis (capitani delle rispettive nazionali) e affidando le chiavi del centrocampo a Torreira, arrivato dopo l'esplosione alla Sampdoria. Per ultimo ha acquistato come nuovo portiere il tedesco Leno, per cercare di avere un profilo affidabile in un ruolo da sempre molto complicato per l'Arsenal. Dalle cessioni è uscito Wilshere, spostatosi di pochi chilometri al West Ham come l'attaccante Luca Perez che ha scelto lo stesso percorso. Poca rivoluzione anche nel Manchester City che dopo aver sborsato sterminati milioni la scorsa estate si è "accontentata" di accogliere Mahrez dal Leicester per andare a migliorare il suo spaventoso pacchetto offensivo, che ha perso però una buona alternativa come Yaya Toure, svincolato dalla stessa società.

La pre-season delle due formazioni è stata differente a livello di risultati, perchè condizionato dall'assenza dei molti giocatori del City che hanno disputato il Mondiale in Russia. Con la squadra quasi al completo però la corazzata di Guardiola ha cominciato da dove aveva finto l'anno scorso, cioè non conoscendo la parola sconfitta. Il primo trofeo della stagione è andato infatti agli Sky Blues, che nella finale di Community Shield hanno schiantato 2-0 con la doppietta di Aguero il nuovo ma molto rimaneggiato Chelsea di Maurizio Sarri. Domenica lo scenario che attende i campioni in carica sarà più o meno lo stesso perchè c'è molta curiosità nel vedere all'opera la creatura di Emery, l'altro tecnico arrivato sulla sponda opposta di Londra. L'Arsenal però a differenza dei Blues, arriva a questo appuntamento con tutta la rosa a disposizione e nessuna scusa per subire l'ennesima figuraccia dagli avversari che non perdono questo scontro diretto da quasi tre anni. Gli ultimi parziali sono stati impietosi: 3-1 all'andata di campionato e un doppio 3-0 ravvicinato nella finale di coppa e nel ritorno.

Dove si vincerà e perderà la partita

L'Arsenal è un cantiere aperto in piena ricostruzione dopo il fallimento dell'ultimo Wenger. Il profilo della squadra è rimasto lo stesso perchè da cambiare è l'atteggiamento mentale dei giocatori, ricchi di ottimo potenziale ma deboli sotto l'aspetto del carattere. Grandi talenti ma troppo individuali per raggiungere l'interesse collettivo della squadra che sotto la sapiente guida di Emery dovrà cambiare in fretta se vuole ritornare a essere protagonista almeno in patria.

Di certo affrontare nell'esordio la macchina perfetta del City non è un grande vantaggio ma se l'Arsenal riuscisse a uscire con un risultato positivo allora potrebbe iniziare con grande carica il nuovo campionato. La speranze dei tifosi Gunners è che gli uomini di Gurdiola arrivino ancora carichi di lavoro e non al massimo della condizione fisica, un fattore di sicuro migliore nei padroni di casa che hanno potuto allenarsi tutti insieme per diverse settimane, grazie alle poche convocazioni per i Mondiali. Il risultato appare in bilico ma la certezza è che non mancheranno il divertimento e le emozioni, che dovrebbero tramutarsi con molte reti da entrambe le parti.

Matteo Sfolcini
@BetStarsit in Calcio